Chiedere all’architetto: perchè farlo

 

Chiedere perche’…

chiedere_all_architettoAccade di frequente: il cliente (chiamiamolo per comodità sig. Rossi) viene da noi perché deve fare una pratica edilizia: una ristrutturazione, una sopraelevazione, un ampliamento o anche solo una variazione catastale, o una certificazione energetica…

A questo punto ci mettiamo diligentemente al lavoro per predisporre i documenti necessari: planimetrie, autorizzazioni precedenti, rilevi dell’esistente ….

…E qui succede il patatrac!  La situazione reale non corrisponde a quanto autorizzato nel tempo poiché negli anni sono state fatte modifiche non autorizzate.

Qualunque nuova autorizzazione infatti presuppone che vi sia preliminarmente la rappresentazione dello stato di fatto e questo deve corrispondere a quanto autorizzato in Comune.

Informiamo quindi del fatto il signor Rossi che in tutta buona fede afferma:“ Ma io pensavo che tirare giù una parete non comportasse nessun tipo di richiesta! Ma quella finestra è lì da tanti anni….Che importa se la stanza nella realtà è più grande di quella disegnata nel progetto?”

Importa eccome!

Perché a questo punto si aprono due alternative, (anzi tre): o si dichiara il falso in un atto pubblico, e questo ovviamente non si fa, anche perché potrebbe avere conseguenze penalmente rilevanti, o si cerca di “sanare” lo stato di fatto mettendo in regola la situazione pregressa.

Oppure (alternativa numero 3 ) si lascia tutto come è e si rinuncia a qualunque richiesta , sempre che sia possibile.

Il problema è che sanare lo stato di fatto, ove possibile, presuppone quanto meno il pagamento di una sanzione, e così il costo per un lavoro che sarebbe stato di poche centinaia di euro tra bolli e parcelle, lievita – per effetto delle sanzioni – che riescono a raddoppiare o triplicare i costi iniziali (di solito si parte dai mille euro in su).

Per questo conviene sempre consultare un professionista prima di fare qualunque opera all’interno o all’esterno della casa, non costa nulla (o meglio, noi lo facciamo gratis): spesso vi verrà detto che le opere si possono fare senza autorizzazione, meglio così: vi sarete tolti un pensiero e potrete procedere con serenità; in altri casi vi verrà spiegato qual è la procedura necessaria per fare le cose in regola.

In ogni caso non esitate a contattarci: lo Studio AeT è a vostra disposizione per qualunque esigenza.

torna all’indice  

Commenti chiusi